Odontoiatria Neuromiofasciale

L’odontoiatria neuro-mio-fasciale (ONMF) è un’innovativa forma di approccio alla diagnosi ed al trattamento dei problemi odontoiatrici/ortodontici in continua evoluzione. Pertanto, l’ONMF è parte integrante di un tutto fisiologico e di conseguenza considera la conoscenza dei sistemi di connessione strutturali e funzionali, necessaria per affrontare le diverse problematiche cliniche in odontostomatologia.

Tali conoscenze inoltre permetteranno all’odontoiatra NMF di collaborare fattivamente con le altre figure mediche e sanitarie per giungere alla possibile soluzione della disfunzione o patologia del paziente.

Saper riconoscere le interconnessioni funzionali degli organismi biologici è di fondamentale importanza per una medicina dell’adattamento e quindi il suo sapere oltre che alla fisiopatologia è esteso anche alla fisiologia della salute.

L’odontoiatria neuromiofasciale si caratterizza “anche” per l’utilizzo di strumenti non invasivi e specifici, quale ausilio per la semeiotica e la diagnosi come l’elettromiografia di superficie (Emg), la chinesiografia computerizzata (Kin), la ULF-TENS e la termografia.  Le informazioni derivanti da tali strumenti, frutto di oltre 30 anni di ricerca e sperimentazione dell’accademia IAPNOR – International Academy of Posture and Neuromyofascial Occlusion Research, sono indispensabili per la diversificazione e personalizzazione dei trattamenti di ogni individuo.

I trattamenti che ne scaturiscono sono finalizzati al ripristino dell’estetica e della funzione nel pieno rispetto delle dinamiche individuali, in armonia con le strutture scheletriche muscolari e neuromiofasciali.

INFORMATIVA

Requisiti per ottenere l’autorizzazione all’utilizzo clinico del dispositivo E.Li.Ba.®, scarica il testo completo.

Ogni biennio, nelle date prestabilite dall’associazione IAPNOR, i soci sono tenuti a presentare un caso clinico secondo i principi e la metodologia in ambito neuromiofasciale. I due lavori migliori verranno premiati con il rinnovo biennale della quota associativa e la pubblicazione gratuita sulla rivista IAPNOR.

Indicazioni  presentazione casi per l’odontoiatria neuromiofasciale, scarica il testo completo.

Visitare la sezione eventi per consultare il percorso formativo per odontoiatri.

Deducibilità spese di formazione

Per i professionisti sanitari (e non solo), vi è la piena deducibilità delle spese di formazione.

Dal 15 agosto 2017 il T.U. sulle imposte dei redditi è stato modificato inserendo un comma che rende totalmente deducibili per i liberi professionisti le spese per iscrizione a master, corsi di formazione, aggiornamento professionale, convegni, congressi e viaggi entro i 10mila euro.
Questa deducibilità consentirà anche ai professionisti del settore odontoiatrico di affrontare con maggiore facilità le spese relative alla propria formazione.

Si tratta di una novità attesa da tempo e che riconosce il ruolo e l’importanza degli enti e delle società che erogano la formazione, considerata l’esigenza di un costante aggiornamento nell’ambito sanitario e odontoiatrico.

Per saperne di più, scarica il testo completo.

Proroga Ecm 2021

Il termine del 31 dicembre 2020 riconosciuto ai professionisti sanitari per il recupero del debito formativo relativo al triennio 2017-2019 nonché per lo spostamento dei crediti maturati per il recupero del debito formativo relativamente al triennio 2014-2016, è prorogato alla data del 31 dicembre 2021.

Si intendono maturati di 1/3 (50 ECM) i crediti formativi per tutti i professionisti sanitari nel triennio 2020/2022.

(Commissione Nazionale per la Formazione Continua, Roma, 10/06/2020)

Per saperne di più, scarica il testo completo.